video

Cosa succede in Estremo Oriente e come si confrontano le potenze emergenti?

Gli Usa hanno denunciato un attacco ad una loro base che avrebbe provocato la morte di tre soldati, ma che è realmente avvenuto?

Come allora i comunisti, i partigiani e l’armata rossa hanno sconfitto il nazifascismo e bloccato l’olocausto in corso, oggi gli antifascisti, i comunisti, i nipoti dei partigiani scendono in piazza nella giornata della memoria per fermare il genocidio in corso in Palestina.

L'attacco USA ha aumentato i rischi nel mar Rosso e causato solo danni limitati agli Houthi.

Nuovi scenari bellici si aprono: gli Houthi colpiscono le navi dirette a rifornire Israele che sta massacrando gli abitanti di Gaza

Giornata internazionale con il popolo palestinese che ha visto a Roma migliaia di manifestanti sfilare per le vie della capitale come in tutto il mondo. Alcuni gruppi di partecipanti hanno dato un significativo flash mob per ricordare le disumane vittime dello sterminio dello stato terrorista d’Israele contro il popolo palestinese inerme.

L’Argentina protesta contro le misure impopolari di Milei

La mancata capacità dell’esercito israeliano di trovare e distruggere i tunnel di Hamas è dovuta alla mancanza di addestramento e esperienza al combattimento in città dei suoi sottufficiali, la cui giovane età mette in mostra le carenza di comando e guida.

Lo scorso 15 dicembre una molto partecipata iniziativa presso il laboratorio politico Granma a San Lorenzo, ha discusso delle elezioni argentine e dei possibili sviluppi.

Una lunga manifestazione lo scorso 23 dicembre ha attraversato le strade del centro di Roma per protestare contro l'invasione israeliana della striscia di Gaza.

Israele sta compiendo un genocidio nei confronti della popolazione palestinese.

Le prospettive della guerra in Ucraina non sono facili da intuire, ma possiamo segnalare l’insuccesso della famosa controffensiva e il sostanziale abbandono economico e finanziario del paese da parte dei suoi alleati occidentali che lo hanno spinto a questa guerra evitabile.

Proseguiamo con la pubblicazione del videocorso: “Controstoria della filosofia e della storia in una prospettiva marxista”, quarto ciclo – tenuto dal prof. Renato Caputo per l’Università popolare Antonio Gramsci – con il video del settimo e ultimo incontro: “Le crociate e la ripresa della cultura occidentale mediante l'orientale”.

Lo sciopero del 17 novembre non va considerato come un risultato ma come l'inizio di un percorso di lotta che ci dimostra quanto il governo abbia paura della risposta dei lavoratori esasperati da anni di erosione sistematica del salario e dei diritti.

In tutto il mondo si sono svolte manifestazioni con decine di migliaia di sostenitori della causa palestinese.

Ben due enormi manifestazioni si sono svolte nella Capitale lanciate dalla Cgil per opporsi al governo più reazionario della Storia della Repubblica italiana. L’unica opposizione reale e dunque di massa è il sindacato più grande della nazione e la mancanza di una sponda politica potrebbe, come un film già visto, rafforzare il nefasto Partito Democratico. Ci ritrovate allo sciopero generale di CGIL e UIL di novembre contro la manovra del governo. 

In tutto il territorio italiano si sono svolte le prime manifestazioni in solidarietà con il popolo palestinese dopo i primi bombardamenti

Proseguiamo con la pubblicazione del videocorso: “Controstoria della filosofia e della storia in una prospettiva marxista”, quarto ciclo – tenuto dal prof. Renato Caputo per l’Università popolare Antonio Gramsci – con il video del quinto incontro: Il basso medioevo.

Sabato 7 ottobre grande manifestazione a Roma organizzata dalla CGIL

Cerchiamo di ricostruire le politiche degli ultimi decenni sviluppate a danno dei lavoratori

Pagina 1 di 18

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: