La produzione industriale cala ancora

Di fronte al calo della produzione industriale italiana e ad alcune concrete minacce provenienti dal contesto internazionale, manca una seria politica industriale dello Stato.


La produzione industriale cala ancora Credits: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/1/12/Capannone_bramme_-_area_ex_Falck_Unione_02.JPG

La produzione industriale torna a scendere dopo 5 anni a conferma che il principale problema dell'Italia è legato alla fragilità del suo sistema produttivo.

Di questo abbiamo già avuto modo di parlare e non torneremo sull'argomento se non per aggiungere ulteriori considerazioni.

Andiamo per punti, anche al fine di non annoiare il lettore, dacché il nostro obiettivo è rivitalizzare la discussione attorno ad argomenti che dovrebbero essere l'abc per il sindacato e la politica ma invece sono stati sapientemente rimossi dall'agenda delle priorità.

La produzione industriale nel 2019 è calata del 4,3%. Prendiamo il dato annuo e non quello dell'ultimo trimestre. I soli settori ad avere tenuto sono alimentare ed elettronica ma con alcune incognite legate agli eventi internazionali. Ad esempio l'accordo tra Usa e Cina rischia di ripercuotersi negativamente sulla produzione alimentare europea e italiana; gli effetti del coronavirus sono ancora tutti da verificare e saranno sicuramente negativi per la nostra economia e più in generale per Cina e UE. Embargo Russo, Coronavirus e Brexit giocheranno un ruolo importante per la sorte dell'export alimentare italiano.

Tra i settori più colpiti la meccanica e la componentistica. La crisi della locomotiva tedesca ha ripercussioni anche sull'Italia che poi da anni è a traino della Germania. Del resto questi sono i settori dove il modello FCA, delocalizzazioni e operazioni finanziarie privilegiate rispetto a investimenti\innovazioni produttivi\e, la fa padrona.

E la crisi del sistema Italia inizia anche a ripercuotersi negativamente sulle industrie più innovative; infatti calano i dipendenti e si riduce il valore medio della produzione, mentre il Governo non sa come salvaguardare le sue eccellenze, risultato di una politica, condotta per lustri, che ha pensato più a delocalizzare e abbassare il costo del lavoro che a incentivare l'innovazione.

Mentre la produzione industriale cala di un punto e mezzo, aumenta invece l'export agroalimentare. Ma il nostro paese non ha alcuna idea su come rilanciare il settore. Da anni si parla di un mix tra turismo, cultura e produzione enogastronomica ma lo Stato non ha ancora definito un pacchetto di aiuti reali al settore, ad esempio un piano di recupero delle aree agricole e boschive abbandonate favorendo lo stanziamento, a fini produttivi, di cooperative agricole e di piccole aziende con giovani formati e usciti dalle scuole disposti a mettersi in gioco. Nulla di rivoluzionario ma solo la capacità di intercettare, anche a fini capitalistici, bisogni reali da soddisfare dentro una cornice lavoristica e non assistenziale.

E i settori che nel 2019 hanno registrato una crescita produttiva e delle esportazioni incontreranno quest'anno le difficoltà collegate alla Brexit, agli accordi Cina Usa e agli effetti del coronavirus sull'economia. Il quadro è sempre più nero e il nostro paese neanche su una materia importante come la previdenza pare abbia idee chiare, tanto che si discute ancora di anticipo previdenziale (senza cancellare l'impostazione della Fornero) occultando il fatto che le pensioni di domani, calcolate con il sistema contributivo, determineranno l'impoverimento di tante famiglie.

In questi scenari a dir poco demotivanti, il ruolo della politica e del sindacato è del tutto inadeguato, della serie tu indichi la luna e loro guardano il dito.

17/02/2020 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.
Credits: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/1/12/Capannone_bramme_-_area_ex_Falck_Unione_02.JPG

Condividi

L'Autore

Federico Giusti

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: