Presentazione del Comitato Romano AEC

Video dell’iniziativa di presentazione e sostegno dei lavoratori AEC tenutasi presso lo Scup, a Roma, il 13 aprile


Il video integrale dell’iniziativa può essere visto cliccando su questo link.

La poesiola dell’AEC

Noi semo quelli che ogni matina pijamo ar volo la metropolitana, e dai quartieri de periferia annamo a lavora' n' terra lontana. Co sette euri l'ora a fine mese nun c'arrivano mai a copri' le spese, d'affitto de bollette d'artre tasse, e come se tutto questo non bastasse… Se ritrovano poi a metà de giugno perché cosi ha deciso qualche grugno… senza stipendio ne disoccupazione… so tutti quanti amici der padrone, ar municipio e pure alla regione.

Ma sti signori belli stipendiati annasero a mori' tutti ammazzati.... A noi ce vonno tutti quanti male, cooperative e mafia capitale… L'unica cosa bona che ce resta è diglie basta! E de riarza' la testa. Basta co' li ricatti e la paura, sapemo che sta storia se fa dura. Stanno a firma' tutti i lavoratori, e quarche cosa bona verrà' fori! Ma pure se ce fermeno sta' lotta, c'avremo per gusto tutti quanti uniti de guardalli dritti… e prima de sputaglie n' faccia,de diglie… A brutti fin de na mignotta.

Fabrizio

Siamo gli AEC romani, misteriosa figura mitologica che si aggira per le scuole della Capitale a supporto di bambini e ragazzi con disabilità.

AEC è acronimo di Assistente Educativo Culturale (oggi siamo definiti anche OEPA, OEAC, ecc...), e il nostro ruolo è di supportare lo sviluppo e l’educazione dei ragazzi con difficoltà nell’ambiente scolastico, con particolare focus sulle autonomie e l’integrazione scolastica.

Il nostro è un lavoro difficile e importante: ogni giorno, collaborando con i docenti, aiutiamo i “nostri” ragazzi ad abbattere le barriere più disparate per entrare a tutti gli effetti a far parte del tessuto scolastico.

La nostra storia

La gestione di questo servizio è assegnata dalla legge ai Comuni e a Roma, fino alla fine degli anni ‘90, era svolto da dipendenti comunali. All’inizio di questo secolo, a fronte della carenza di personale, fu deciso di non procedere a nuove assunzioni e di esternalizzare il servizio, affidandolo ad associazioni e cooperative. Oggi, a vent’anni di distanza, possiamo tracciare un bilancio di quella scelta.

Perché il Comitato

Abbiamo iniziato a vederci ogni tanto e ci siamo resi conto che il tema dei nostri discorsi era sempre lo stesso: il pressapochismo con cui il servizio che eroghiamo viene gestito. Le cooperative ci abbandonano a noi stessi, con stipendi da fame e senza nessun tipo di tutela e supporto. Per le scuole siamo soggetti esterni, quindi non veniamo coinvolti nelle attività programmatiche e organizzative (o anche, banalmente, nelle comunicazioni). Eppure stiamo insieme ai nostri bambini tantissime ore, rendendo effettivo e concreto il loro diritto allo studio.

Tramite un questionario che abbiamo diffuso tra gli AEC operanti a Roma sono emerse, ancora, le stesse problematiche.

L’obiettivo si è delineato allora davanti ai nostri occhi e la risposta è stata enorme: abbiamo iniziato a organizzare degli incontri ed è stato evidente che i 2000 AEC di Roma avevano bisogno di unirsi e raccontarsi.

La Delibera

Noi AEC siamo sottoposti a continui cambi di gestione: passiamo da una cooperativa all’altra, a seconda di chi vinca o perda le gare d’appalto (che peratro vengono effettuate a cadenza del tutto imprevedibile).

Sì, perché questo servizio – fondamentale per migliaia di ragazzi, per le loro famiglie e per le scuole – è gestito come se si trattasse di riparare una buca o di comprare del materiale di cancelleria: il Comune fa le gare d’appalto, valuta le offerte e sceglie quella “migliore”, fino alla gara successiva.

Così gli operatori viaggiano ininterrottamente come pacchi postali da un’azienda all’altra, cambiando modalità organizzative e stili di lavoro, e ritrovandosi soprattutto a dover lasciare i ragazzi che stavano seguendo, rendendo di fatto nullo il loro diritto alla continuità scolastica.

Questo, conti alla mano, ha comportato un aumento di spesa per l'ente pubblico: le cooperative, su ogni nostra ora di lavoro, percepiscono dal Comune una media di 20 euro l’ora. A noi, quando va bene, ne arrivano 7.

Siamo quelli che vengono pagati una miseria e quelli che, quando la scuola chiude per un motivo qualsiasi, non percepiscono proprio nulla.

Se il ragazzo che seguiamo si ammala e si assenta, non veniamo pagati.

Naturalmente, non prendiamo un centesimo nemmeno durante i periodi di interruzione

delle lezioni (mesi estivi, pausa natalizia ecc...).

C’è da stupirsi se, lavorando in queste condizioni, a volte non riusciamo a garantire il servizio come sarebbe diritto di bambini e ragazzi?

Siamo stanchi di essere sfruttati e di vedere i servizi pubblici ridotti a occasioni di profitto per soggetti privati. Pensiamo che il nostro servizio e tutti i servizi sociali e assistenziali di pertinenza del Comune debbano essere gestiti direttamente dal Comune.

Vogliamo svolgere il nostro lavoro con dignità e professionalità, senza subire il ricatto dei cambi di gestione, degli stipendi da fame e della confusione di competenze. Vogliamo che il diritto allo studio dei bambini e dei ragazzi disabili venga garantito sul serio e non più con le carenze e l’approssimazione che registriamo oggi.

Per tutti questi motivi, e per molti altri, abbiamo deciso di redigere una proposta di Delibera di iniziativa popolare - sulla quale il Consiglio Comunale dovrà obbligatoriamente pronunciarsi - per il ritorno del servizio di integrazione scolastica alla gestione pubblica attraverso l’assunzione diretta delle operatrici e degli operatori da parte del Comune.

La raccolta firme

Il nostro obiettivo è ambizioso ma raggiungibile, e il primo passo sarà raccogliere in tre mesi almeno 5.000 firme di cittadine e cittadini romani.

Abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti: cittadini, famiglie, docenti, organizzazioni politiche e sindacali, associazioni per i diritti dei disabili e tanti altri, perché la raccolta delle firme e il successivo dibattito in Consiglio Comunale rappresentino davvero un passo avanti verso una città diversa, meno disponibile verso le esigenze dei comitati d’affari e più attenta verso i bisogni dei propri cittadini.

Saremo lieti, nelle prossime settimane, di invitarvi alle iniziative promosse dal Comitato.

Video di presentazione
https://www.youtube.com/watch?v=BxI7taTnQAY&t=4s
Mail: deliberapopolareaec (at) libero.it
Campagna social: #nessunoèescluso
Facebook: Comitato Romano AEC
Twitter: @RomanoAEC
Instagram: Comitato Romano AEC

04/05/2019 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

L'Autore

Angelo Caputo

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: