Frammenti di critica dell’economia politica

La scienza non è neutrale e tanto meno lo sono le scienze sociali. Chi vuole possedere le capacità critiche per valutare i problemi della società e le sue prospettive deve conoscere le diverse teorie economiche. Quattro lezioni a cura di Ascanio Bernardeschi


Frammenti di critica dell’economia politica

La scuola fisiocratica; gli economisti classici; Marx; Keynes e i monetaristi. Primo incontro mercoledì 26 febbraio ore 21 al Circolo Arci - casa del popolo di Borgo San Giusto - Volterra (Pisa).

Tra le finalità che ci proponiamo c’è in primo luogo quella di offrire a tutti gli strumenti necessari per comprendere in modo corretto il contesto socio-economico in cui ci troviamo a operare sia livello nazionale che nelle dinamiche internazionali.

Antonio Gramsci scriveva: «Siamo un’organizzazione di lotta, e nelle nostre file si studia per accrescere, per affinare le capacità di lotta dei singoli e di tutta la organizzazione, per comprendere meglio quali sono le posizioni del nemico e le nostre, per poter meglio adeguare ad esse la nostra azione di ogni giorno. Studio e cultura non sono per noi altro che coscienza teorica dei nostri fini immediati e supremi, e del modo come potremo riuscire a tradurli in atto». Questo è un obiettivo imprescindibile per qualsiasi organizzazione che aspiri e lavori per avere un’influenza di massa.

A chi procede per slogan è preferibile contrapporre le solide basi della conoscenza. La formazione deve uscire dallo spazio residuale nel quale è stata rilegata da tempo. Il lavoro teorico è un elemento irrinunciabile al fine di agire e incidere in modo proficuo nella società in cui viviamo.

Gli incontri prevedono un cenno alla scuola fisiocratica e a quella classica per poi trattare Marx, Keynes e la scuola monetarista.

(A richiesta possono essere trattati, in successivi incontri, uno o più argomenti riguardanti Schumpeter, la scuola del circuito monetario, il marginalismo, Sraffa e il problema del debito pubblico)

23/02/2020 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

L'Autore

Redazione

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: