Quarto Reich, il nuovo libro di Guido Caldiron

"La fuga dei criminali nazisti e la rete internazionale che li ha protetti".


Quarto Reich, il nuovo libro di Guido Caldiron

Josef Mengele, il "medico" assassino di Auschwitz, viene trovato morto per un attacco cardiaco sulla costa brasiliana di San Paolo nel 1979. Ma come aveva fatto a vivere libero e felice per tutti quegli anni sia pure da condannato a morte? Il libro di Guido Caldiron "I segreti del Quarto Reich" fornisce le risposte spaventose, dato che il sottotitolo è macabro ed esplicito: "La fuga dei criminali nazisti e la rete internazionale che li ha protetti".

di Maria R. Calderoni

L'Angelo della morte, al secolo Josef Mengele, il "medico" assassino di Auschwitz, il nazista "più popolare" del mondo, viene trovato morto per un attacco cardiaco che lo ha colpito dopo una nuotata nel mare di Bertioga, costa brasiliana di San Paolo; è esattamente il 5 febbraio 1979, quell'uomo ha quasi settant'anni; e bisognerà arrivare fino al 1985, dopo la riesumazione dei resti e ulteriori esami, per poter affermare che sì, quell'uomo trovato morto su una spiaggia brasiliana, era proprio lui, Josef Mengele, <uno dei criminali nazisti più noti e ricercati dalla fine della seconda guerra mondiale>. Ma come aveva fatto a vivere libero - e felice - per tutti quegli anni, 1945-1979, sia pure da condannato a morte?

Questo libro di Guido Caldiron appena uscito in libreria - " I segreti del Quarto Reich", Newton Compton, pag.478 - fornisce la risposta. Anzi "le risposte"(spaventose), dato che il sottotitolo è macabro ed esplicito: “La fuga dei criminali nazisti e la rete internazionale che li ha protetti”. Criminali nazisti, Mengele solo uno dei tanti.

È un libro che si legge col fiato tirato; un horror senza fine e senza suspence, pagina dopo pagina, dove la stringentissima e copiosissima carica di documentazione non ne diminuisce, ma anzi ne aumenta, il terrificante noir. Che sarebbe inimmaginabile se non fosse vero. Se non fosse nostra Storia recente.

Chi sono, dove sono vissuti e cosa hanno fatto i nazisti sfuggiti a Norimberga, alla giustizia internazionale? E chi li ha aiutati, protetti, nascosti? Chi, e - soprattutto - perché? <Lunga più di settant'anni, quelli che ci separano dal secondo conflitto mondiale - scrive l'autore - questa ricerca dei boia hitleriani e dei collaborazionisti di ogni dove che ne resero possibile l'opera di morte, ha permesso di evidenziare come molti di questi sinistri personaggi non si siano solo messi al riparo dalla giustizia, ma abbiano a volte assunto fin dall'immediato dopoguerra un nuovo ruolo di primo piano nei Paesi in cui avevano trovato rifugio o nell'ambito di quella vera e propria "Internazionale nera", sorta dopo il 1945 dalle ceneri della sconfitta militare delle forze dell'Asse>.

Mengele l'Angelo della morte, l'abominevole "medico" di Auschwitz; Adolf Eichmann, lo specialista della "Soluzione finale"; Klaus Barbie, "il macellaio di Lione"; Franz Stangl, il comandante di due campi di sterminio; Walter Rauff, il responsabile dei camion a gas dove furono uccise centinaia di migliaia di persone; Ante Pavelic, il capo del sanguinario regime ustascia croato; Erich Priebke, Herbert Kappler, i "titolari"delle "azioni" in Italia, Fosse Ardeatine comprese...E tanti tanti altri - migliaia tra capi nazisti e collaborazionisti - che sono riusciti a fuggire grazie a molte complicità. Quegli uomini e quei nomi a cui sono legati gli orrori perpetrati in Francia, Belgio, Croazia, Cecoslovacchia, Austria, Ungheria, Polonia, Italia, Grecia, Ucraina, Urss, Norvegia, Danimarca, Finlandia, Germania...

Il libro è un resoconto completo, un compendio totale, una "summa" - data per data, luogo per luogo, Paese per Paese, lager per lager, nome per nome - di atrocità, stermini, gassificazioni, pogrom, fuga, vita e morte dei più efferati criminali di guerra della Storia moderna.

Sulle terrificanti tracce dell'Olocausto e della barbarie: quattrocentosettantotto pagine da incubo, impossibile non restarne colpiti, se non proprio annichiliti. Olocausto e barbarie non certo sconosciuti - Caldiron elenca anzi una lunghissima bibliografia, 20 intere pagine - ma la sequenza ininterrotta, concatenta e implacabile che il libro rappresenta è una scossa e quasi una "novità": il tutto e le singole parti ri-elencati insieme, producono un effetto - storico, cognitivo ed emotivo - moltiplicato ed unico. Avevamo dimenticato "troppo", o non ricordato "abbastanza"; Remember potrebbe essere un secondo, buon sottotitolo (anche senza bisogno di riferirsi all'ultimo film di Atom Egoyan, peraltro in tema).

Il libro - riprendendo il famoso "cacciatore di nazisti" Simon Wiesenthal - ricostruisce anche le fila di tutte le "ratlines", cioè tutte quelle vie di fuga, protezione, complicità, collaborazionismo - una vera e propria internazionale - che hanno permesso ai criminali del Terzo Reich di scomparire indenni dall'Europa e di rifarsi una vita altrove.

Né si tratta solo della generosa e "comprensibile" ospitalità offerta dalla Spagna di Francisco Franco, o dall'Argentina di Juan Domingo Perón, o da altri compiacenti Paesi sudamericani. C'è molto di più.

C'è il capitolo, raccontato con nomi e cognomi, senza reticenze o sconti di sorta, dei "silenzi", degli aiuti, delle gravi responsabilita del Vaticano e della Chiesa cattolica: preti, frati, monsignori, vescovi, cardinali, papi. Dal vescovo Hudal al cardinal Montini, poi diventato quel papa Pio XII che “ancora nell'autunno del 1943”, confessava di “essere turbato dai successi militari russi e dalla possibilità di un crollo della Germania, che aprirebbe la strada al bolscevismo in Europa”...

E c'è il capitolo della "denazificazione" mancata ovunque in Europa, perfino (o forse "soprattutto") in Germania; senza contare, ad esempio, che in Italia, dal canto suo, il neofascista Msi nasce tranquillamente e ufficialmente il 26 dicembre 1946 (1946, avete letto bene)...

E c'è il capitolo della forsennata Guerra Fredda, quello che già nel 1945 ha visto i servizi segreti e gli apparati strategici dell'Occidente, con a capo Usa e Cia, affiliare e utilizzare la rete degli ex esperti della ex Gestapo, utilissimi (data la loro "consumata" esperienza) nella lotta contro il nuovo Male, il nuovo pericolo giudaico-bolscevico, l'Est "rosso", l'Urss, il comunismo. Per la serie il Nemico del mio Nemico.

E non è la Fine della Storia.

01/03/2016 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

Tags:
  • ,

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: