Grecia: completando il circolo vizioso

La strategia economica dei leader di Syriza di accettare il programma della Troika, onorare l'onere del debito e rimanere nell'UE ha fallito


Grecia: completando il circolo vizioso

Alla fine il cerchio si è chiuso. Il corrotto partito conservatore pro-business Nuova Democrazia, che era stato estromesso dal partito anti-capitalista Syriza nel 2015, è tornato a prevalere alle elezioni generali di domenica, con una maggioranza assoluta rispetto a tutti gli altri partiti.

Nuova Democrazia ha ottenuto poco meno del 40% dei voti espressi. Syriza con Alexis Tsipras ha ottenuto poco meno del 32% dei voti. L'affluenza alle urne è stata di poco superiore al 57%, il tasso più basso dalla fine del dominio militare nel 1974, a suggerire un'enorme disillusione verso tutti i partiti. La percentuale ottenuta da Syriza è diminuita solo del 3,5% rispetto alle ultime elezioni del 2015, ma la percentuale di Nuova Democrazia è passata dal 28 al 40%. I piccoli partiti (compresi i partiti di sinistra separatisi da Syriza) sono andati male, sebbene gli ex socialdemocratici del PASOK abbiano aumentato la loro quota dal 6,3% all'8% e i comunisti sono rimasti invariati al 5%. Anche il nuovo partito MeRa25 [Fronte europeo della disobbedienza realistica, ndt] creato dall'ex ministro delle finanze di Syriza, Yanis Varoufakis, ha superato la soglia del 3% e avrà parlamentari per la prima volta. Il partito neofascista Alba Dorata, invece, non è riuscito a farcela.

Gli ultimi quattro anni del governo di Syriza sono stati sia tumultuosi che rattristanti. Eletto per opporsi alle politiche della Troika (la BCE, il FMI e l'UE) nell'imporre viziose misure di austerità ai greci in cambio del “salvataggio” delle sue banche, delle banche straniere e del debito pubblico, Syriza all'inizio ha resistito alla Troika. Sotto Tsipras e Varoufakis, ha cercato un accordo con i leader europei affinché non fossero imposte ulteriori misure di austerity. Quando un tale accordo fu respinto dalla Troika e dai leader europei guidati da Germania e Paesi Bassi, Tsipras chiamò un referendum sul “memorandum" della Troika: i greci avrebbero dovuto accettare l'austerità o rifiutarla? Nonostante una massiccia campagna di propaganda da parte dei media pro-business in Grecia ea livello internazionale e la mancanza di campagne di lustro da parte di Syriza, i greci hanno votato 60-40 per respingere la Troika. Poco più di un giorno dopo, il governo ha ignorato il voto e ha capitolato.

Nei successivi quattro anni, il governo di Syriza ha debitamente tentato di attuare ogni singola richiesta della Troika. Le pensioni sono state tagliate, gli impiegati del settore pubblico sono stati licenziati ed i salari congelati, i beni statali sono stati svenduti, le tasse sono aumentate drasticamente. Varoufakis si è dimesso dopo la capitolazione e ha fatto il giro dell'Europa; e la fazione di sinistra di Syriza si è separata per formare partiti elettorali autonomi, senza alcun risultato. Il governo Syriza ha continuato a sperare che se avesse soddisfatto le misure di austerità imposte dalla Troika sarebbe stato in grado di riprendere la crescita economica, guadagnare un po’ di spazio fiscale e un “ritorno al mercato” dei prestiti pubblici.

I primi prestiti che il governo aveva ottenuto dalla Troika sono stati usati per pagare le banche francesi e tedesche che detenevano miliardi di debito del governo greco che non era virtualmente senza valore. Dopo questo salvataggio del settore privato, i prestiti successivi sono stati utilizzati per rimborsare il Fondo monetario internazionale, la BCE ed altri governi intervenuti nei primi salvataggi. In questo circolo senza fine è stato aumentato il debito per pagare il debito precedente! Nessuno di questi soldi è andato ad alleviare la depressione subita dal tenore di vita dei greci. L'economia greca è crollata del 30%, le pensioni e le retribuzioni sono diminuite del 40%; migliaia di giovani sono emigrati per lavoro ed i servizi pubblici e i posti di lavoro sono stati decimati. Il più grande successo è stato per i lavori del settore privato nel turismo, nell'industria e nei viaggi.

Questi sacrifici hanno restaurato il capitalismo greco e in ultima analisi invertito il calamitoso declino della produzione, dell'occupazione e dei redditi? La risposta breve è NO. I tassi di disoccupazione rimangono molto alti, soprattutto per i giovani.

Giovani, greci e senza lavoro

Tasso di disoccupazione alto tra i giovani greci under-25

Gli investimenti di capitale sono crollati durante la crisi del debito ma non si sono ancora ripresi. Le imprese greche non possono investire.

Capitale lordo (milioni di euro)

La spesa pubblica è crollata a causa delle misure di austerità.

Spesa pubblica in percentuale del PIL

Ma questo non ha ridotto il debito pubblico rispetto al PIL, che rimane a un incredibile 180% del PIL e resterà lì per il prossimo futuro. Tutte le misure di austerità non hanno intaccato il debito pubblico accumulato per salvare le banche estere, le banche greche e altri detentori del debito pubblico greco. Il fallimento del settore privato, dell'economia greca e del capitalismo globale è stato spostato sulla contabilità di Stato e del suo popolo per le generazioni a venire.

Debito pubblico in percentuale del PIL

Gli enormi prestiti che il governo greco deve restituire ai leader dell'UE (il Fondo monetario internazionale e la BCE sono stati pagati) non devono essere rimborsati per un decennio o più e il costo degli interessi sui prestiti è basso. Ma il debito non è stato cancellato; alla fine deve essere ripagato e il governo greco deve imporre un enorme surplus di bilancio per coprire i pagamenti futuri, gli interessi sul debito e ottenere nuovi prestiti dal mercato globale.

L'intera strategia del governo Syriza era che la ripresa della crescita economica nella zona euro avrebbe sollevato la barca greca insieme alle altre imbarcazioni europee nella crescente ondata di ripresa economica. Si sarebbe creato “spazio fiscale” e i servizi pubblici e le pensioni sarebbero potuti migliorare pur rispettando il piano di rimborso dei creditori.

Ma le cose non sono andate in questo modo. La crescita economica dell'Eurozona dopo la crisi del debito è stata patetica, difficilmente strisciante al di sopra del 2% l'anno e ora rallenta ancora velocemente. Durante la crisi del debito e l'eventuale capitolazione del governo di Syriza, ho stimato che la crescita economica greca avrebbe dovuto raggiungere una media di almeno il 3% all'anno per porre fine all'austerità se il governo avesse continuato a impegnarsi con la Troika. Invece, il tasso di crescita della Grecia è stato mediamente di poco superiore all'1% l'anno sotto il governo di Syriza. Attualmente sta rallentando da un breve crescita superiore al 2% a solo l'1,3%

Grecia: tasso di crescita annuale del PIL (%)

Il nuovo governo conservatore prende il sopravvento proprio mentre le economie dell'Eurozona e gran parte del resto del mondo si trovano di fronte a un rallentamento degli investimenti, del commercio e della crescita nella migliore delle ipotesi e, nel peggiore dei casi, a una vera e propria recessione.

La strategia economica dei leader di Syriza di accettare il programma della Troika, onorare l'onere del debito e rimanere nell'UE ha fallito. Il risultato è stato la totale disillusione nei confronti di Syriza, in particolare tra i giovani. Molti sono partiti per trovare lavoro; coloro che non hanno nemmeno votato alle elezioni o hanno votato per un cambio di governo sotto forma di Nuova Democrazia. Aneddoti di questi atteggiamenti sono stati espressi dai media. [...].

Potrebbe esserci stata un'alternativa alla strategia di Tsipras e dei leader di Syriza nel luglio 2015 quando il referendum per contrastare l'austerità della Troika è stato sostenuto dalla maggioranza del popolo greco? Penso che ci fosse. Un'opzione spinta prevalentemente dalla fazione di sinistra dei parlamentari di Syriza era quella di rompere con l'UE e l'euro; tornare alla dracma greca, svalutare la moneta, imporre controlli su qualsiasi fuga di denaro, rinnegare il debito e tornare ai programmi di spesa pubblica.

Ad esempio, questa era l'opzione presentata dall'economista socialista e deputato Syriza, Costas Lapavitsas, all'epoca. Lapavitsas prese una posizione di principio contro la capitolazione e ruppe con Syriza. Ma ha sostenuto che: “la soluzione ovvia per la Grecia in questo momento, quando la considero in quanto economista politico, la soluzione ottimale, sarebbe un'uscita negoziata. Non necessariamente un'uscita contestata, ma un'uscita negoziata”. Ciò comporterebbe un annullamento del 50% del debito verso l'UE e la protezione della nuova valuta greca (svalutata di appena il 20%) con liquidità dalla BCE.

Il mio pensiero allora era che anche se la Troika avesse accettato una simile “uscita negoziata”, che era un punto controverso; e anche se la nuova dracma greca si fosse deprezzata solo del 20% (estremamente improbabile), l'economia greca sarebbe ancora in ginocchio, incapace di ripristinare gli standard di vita per la maggioranza della popolazione. La svalutazione e l'aumento dei prezzi mangerebbero i guadagni ottenuti dalle esportazioni più economiche. Sembra che Lapavitsas lo riconoscesse quando disse in quel momento: “I salari devono salire, ma anche se si alzano, non torneranno dov’erano. Al momento non è fattibile. Abbiamo bisogno di una strategia di crescita per questo”.

Ma Lapavitsas si oppose a una strategia di crescita basata sulla pianificazione socialista. “Non penso che Syriza dovrebbe uscire con un ampio e ampio programma di nazionalizzazione in questo momento. Ciò che è necessario è nazionalizzare le banche, ovviamente. E per assicurarsi che le privatizzazioni energetiche cessino, l'elettricità in particolare. Questo si ferma. E la privatizzazione di altre attività chiave si ferma. Dobbiamo mettere in atto una strategia di crescita e di recupero immediatamente al di fuori dell'euro, e successivamente disporre di un piano di sviluppo a medio termine”. Per me, la strategia che la Grecia lasciasse l'euro e attuasse un ampio programma di spesa keynesiano, lasciando le misure socialiste ad una fase successiva, non poteva funzionare perché le forze del capitale a livello internazionale e nazionale non sarebbero state toccate.

A mio avviso, c'era un'altra opzione: un largo e ampio programma per sostituire il capitalismo. Per me il capitalismo greco doveva essere sostituito, dentro o fuori dall'euro. Ciò significherebbe la proprietà pubblica di tutte le grandi imprese e del capitale straniero in Grecia; una mobilitazione democratica dei lavoratori per controllare i loro luoghi di lavoro e l'economia con un piano di investimento e produzione. Una Syriza socialista avrebbe quindi fatto appello per ottenere il sostegno da parte del vasto movimento operaio e costringere i governi a rinunciare all'imposizione di misure di austerità, cancellare il debito e avviare un programma di investimenti a livello europeo per includere la Grecia.

Tale strategia avrebbe avuto un maggior sostegno da parte di altri lavoratori europei e nazionali rispetto a quello che si concentrava sulla condanna dell'euro come il problema. Dopotutto, c'era sempre una maggioranza di greci a favore della permanenza nell'euro e nell'UE. La Grecia è un'economia capitalista piccola e debole; non può avere successo senza il successo del resto d'Europa; e questo vale anche per una Grecia socialista. Ma almeno il popolo greco avrebbe il controllo dei propri beni capitali e dell'allocazione del lavoro.

Ma a prescindere dai meriti di un'opzione keynesiana o marxista del 2015, ora abbiamo il ritorno del governo della Nuova Democrazia, un partito a favore delle multinazionali, corrotto e dinastico, che in origine aveva presieduto il crollo finanziario e la recessione nel 2010. Il programma del governo Mitsotakis è quello di privatizzare, ridurre le tasse per i ricchi e incoraggiare gli investimenti stranieri, mantenendo bassi i salari e le pensioni e i servizi governativi al minimo - il neoliberismo se si vuole chiamarlo così.

Il vero obiettivo è aumentare la redditività del capitale greco come soluzione economica e sperare che il capitalista investa in Grecia. Secondo la banca dati AMECO dell'UE, il rendimento netto del capitale in Grecia è crollato del 35% tra il 2007 e il 2012. Sotto il governo Syriza, la redditività ha recuperato il 20%, ma è ancora del 15% circa inferiore al picco del 2007. L'obiettivo del nuovo governo sarà di continuare il lavoro di Syriza per salvare il capitalismo ma con energia e vendetta extra. Nel frattempo una nuova recessione globale appare più vicina.

Articolo apparso l’8 luglio 2019 sul blog dell’autore.

Traduzione a cura di Alessandro Bartoloni

14/07/2019 | Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte.

Condividi

La città futura

“Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.”

Antonio Gramsci

APPUNTAMENTI

Newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle notizie.

Contattaci: